mercoledì 18 giugno 2014

Guida galattica per cassieri rampanti ecc.. [L'Ultimo cliente della giornata]

Saaalve a tutti!

Come scritto nella PREMESSA, servendomi di una narrazione sopra le righe, descrivo il mondo che si cela dietro il lavoro di un cassiere in un bar. 
Nel primo capitolo elenco i personaggi più divertenti che ho incontrato e le mie reazioni ad ogni loro richiesta. 
Nel secondo all'oggettivistica e cioè a quell'insieme di suppellettili (vedi: bustine di zucchero, acqua, giornale ecc..) messi a disposizione degli avventori ma che.. 

...vabè lo scoprirete leggendo il blog ogni settimana. 

QUALSIASI RIFERIMENTO A PERSONE O FATTI REALI È FRUTTO DI VERE ESPERIENZE DIRETTE CON UN PIZZICO DI IRONIA, VALIUM E NON SENSE. 

Buona lettura!


[Perché una guida]

  • CAPITOLO I 

[Tipologie di Clienti - Volti] 



PARTE I   [I volti del mattino]

PARTE II  [Lo Scroccone - Quella signora altolocata]
PARTE III [Il Sordomuto - Il Pignolo]
PARTE IV [L'ansioso - Quello che salta la fila]
PARTE V  [Il cliente e il bagno - Il critico]
PARTE VI [Il cliente nostalgico del ventennio]
PARTE VII [Il cliente extracomunitario]
PARTE VIII [Il cliente Mattiniero] 

PARTE XI - L'ultimo cliente della giornata 




*Driin Driin*
La sveglia biologica ti strilla che è giunta l'ora.
Non ti fidi delle tue sensazioni e controlli l'orologio per accertartene.
Le lancette sono allineate, ad angolo retto: sì, è ora.
Le ghiandole surrenali dicono "basta per oggi" possiamo rilassarci. 
"Finalmente" esclami dentro di te. anche questa giornata di lavoro è finita. 
Spegni le luci, cala il sipario.
Ti avvii a pigiare il pulsante per abbassare le saracinesche che decreteranno fisicamente la fine di quella giornata. 
A rallentatore il dito si appresta a raggiungere il bottone.
Non sei più nella pelle. 
Pensi a cosa mangiare.
Bere.
Cosa fare.
Game of Thrones che t'aspetta: "Ehi Marco non sai che finalone!".
Siii, ti mordicchi le labbra e scuoti la testa come a seguire una canzone nella tua testa.
Il dito sta per premere ma…

… Scusateh è chiuso??

*Skrech* 
Il vinile che si inceppa. 
Le unghie che stridono sulla lavagna. 
Chi ha osato interrompere la dolcezza del momento in cui stai chiudendo?

- Trasi Maria ca ete apiertu!"

Eccolo:

L'ULTIMO CLIENTE DELLA GIORNATA.
Che in realtà è sempre una famiglia. 

Di generazione in generazione i commercianti raccontano le vicende di questo personaggio, fastidioso come una zanzara nel cuore della notte e invadente come un innamorato, per spaventare e ammorbare i dipendenti che vogliono andare a casa prima dell'orario di chiusura.
Perché l'ultimo cliente della giornata si appresta ad entrare in un locale sempre e soltanto in quel lasso di tempo in cui avverte nell'aria l'odore di "è finita la giornata andiamo a casa!".
Attirato dunque da una legge fisica non scritta ma sicura come la morte.

Veniamo a noi, però.
In una realtà alternativa l'altro Marco è già steso sul letto a mangiare qualche schifezza e godersi la puntata di un telefilm. 
È felice, spensierato: rilassato.
In un'altra realtà ancora c'è Marco che sta scorrazzando per le strade di una città cibernetica con le sue compagne robot. 
È felice, spensierato: elettrizzato. 
Poi c'è quell'altra realtà alternativa, ai confini dell'universo, tra il bosone di Higgs e la galassia Mac Donalds, in un bugigattolo di pianeta chiamato Terrazza, Marco è in giro con la sua gang a spacciare droghe psicotrope e rubare autoradio.
È felice, spensierato: deciso.
Infine ci sono io col dito sul pulsante "chiusura saracinesche" e gli occhi lucidi, a gridare dentro di me "Stavo per chiudere..".

Intanto, loro sono lì. 
Una famiglia di esseri umani usciti da qualche racconto dei Piccoli Brividi.
Non parlano italiano: biascicano parole tra l'arabo e la lingua dei Dothraki.

- Allora Maria ce pijamu?
- Nu sacciu.
- Li strei ce bolenu?
- Mamma tegnu fame ogghiu le gingomme.

Si avvicinano alla cassa.

- Prego.
Il padre, suppongo, ha le braccia corte e la pancia ha un orbita grande quanto quella di Giove, la maglia a righe sembra imitare alla perfezione la superficie striata del pianeta.
Fa un gesto particolare per afferrare il portafoglio nella tasca destra sulla natica destra. 
- Ce pigghi?
- Le gingomme.
- E mena.
Io continuo ad osservarli come Mainardi nella foresta amazzonica.
- Allora nu cafè, nu cappuccinu, le gingomme e nu gelatu?
- Ce celatu uei?
- Quistu culla cioccolata.

Eh, vallo a scegliere adesso.
Il bambino si arrampica sul frigorifero come una scimmia ammaestrata, afferra l'ultimo gelato e lo scarta.

- Apposto, allora un caffè, un cappuccino, le gomme e quel gelato no?
- Si, vai.
- Sono 5 e..
- PAPA' PAPA' VOGLIO PURU IOU LU CAPPUCCINU!
- Te lu bio sicuru no??
- SIneee!
- Aggiungimi anche questo.
- Allora un caffè, un cappuccino, le gomme..
- Antonio ma lu café pe casa lu tenimu?
- E ce sacciu?
- Dai facimulu. Senti famme puru menzuchiulu in do buste de stu cafè.

L'occhio ormai è partito col tic. 
Nella tua testa hai afferrato il tuo mitragliatore e impugnandolo come Al Pacino in Scarface li ammazzi tutti.
"VOLETE FARE LA GUERRA A ME?? FACCIAMO QUESTA GUERRA"
RATTATATATATATATATATATATA.

- Scusa aggiungi puru stu lecca lecca.
- Ok. Ok. Ok. Ecco a voi lo scontrino. C'è qualcos'altro? 
Mentre lo dici ti lasci andare ad un sorriso sarcastico.
- No appostu!

Pagano.
Lasciano i 5 scontrini che t'hanno fatto battere e si siedono.
Si siedono.
Con le luci spente. 
Niente, non c'arrivano da soli. 

Allora cerchi di farglielo capire.
"Stasera anche se è TARDI fa ancora caldo no?"
"Mamma mia che ora TARDA che s'è fatta no?"

Nada.
Solo qualche cenno, abbozzi di compiacimento. 
Sorrisi e "teni ragione!"

Succede qualcosa, all'improvviso.
"Oh sciamu ca mo ncigna la *Maria De Filippissi!"

La televisione mi è venuta in contro, come sempre.
E alla fine, dopo aver lasciato tutto sui tavolini, si alzano e vanno via.
Hai solo tre quarti d'ora di ritardo e la fiducia nell'umanità sotto i piedi.
Come sempre.

marcodemitri®




1 commento:

  1. il dettaglio sulla panza "a like" giove mi sta facendo morire! XD

    RispondiElimina